Ristrutturazione degli ambienti

19/02/2012

Cosa consigliate per la ristrutturazione, per poter combinare gli elementi già esistenti con quelli nuovi?
La ristrutturazione o il rinnovamento del punto vendita deve essere una pratica che va al di là della congiuntura economica favorevole o sfavorevole. Investire nella propria Azienda è indispensabile per continuare a rimanere sul mercato! Il rinnovamento dei locali o la ristrutturazione di un punto vendita devono essere fatti in base alle proprie disponibilità economiche e sempre guardando l’intera area a disposizione con una prospettiva temporale di almeno 5 anni.
Quando parliamo di “ristrutturazione” di un punto vendita la prima cosa a cui si pensa sono gli elementi di arredo non pensando che il rinnovamento sia un’ottima occasione per fare Marketing e pensare in modo globale alla nostra Azienda.
Molti sono gli elementi da tenere in considerazione per poter partire con una ristrutturazione di un Garden Centre o un negozio. L’investimento per fare questo è sicuramente il più delle volte piuttosto elevato e stabilire un budget è la cosa principale su cui riflettere.
La nostra ricetta è molto semplice e stiamo incontrando pareri favorevoli da parte di tutti i clienti di tutto il mondo. Consigliamo di pianificare la ristrutturazione in 5 fasi principali:
  • Considerazioni sul dove siamo e dove si vuole arrivare nei prossimi 5 anni
  • Valutazione del budget a disposizione per i primi interventi
  • Progetto Marketing
  • Progettazione Layout (di tutta l’area a disposizione)
  • Scelta degli elementi d’arredo
I primi due interventi sono soggettivi ed indispensabile ed ogni Azienda deve fare le proprie considerazioni. Molto spesso la pratica del Fai Da Te porta a risultati non comparabili tra investimento ed il risultato finale; per questo consigliamo di avvalersi di una consulenza esterna.
Come prima analisi non dobbiamo pensare immediatamente solo alla ristrutturazione dell’ambiente e ai suoi contenuti, ma soffermarci ad esempio al rinnovamento del logo e se presente al suo pay-off o meglio ancora se non esiste crearlo. Aziende che si occupano di consulenza marketing consigliamo di aggiornare il pay-off ogni 5 anni.
Un altro punto da tenere molto in considerazione è il rinnovamento dell’ambiente esterno al quale molto spesso non ci si pensa, mentre al contrario è importantissimo. Questi cambiamenti infatti permettono di trasmettere un senso di rinnovamento e potenzialmente di acquisire immediatamente nuovi clienti!
Solo con due interventi abbiamo già dato una svolta e un rinnovamento al punto vendita, facendolo diventare evento il quale sarebbe opportuno divulgarlo per tempo attraverso i social-media, riviste del settore o locali, internet, radio, ecc.
Questa azione di marketing è possibile realizzarla anche con un budget abbastanza limitato.
Definito il piano marketing possiamo passare al layout.
Il layout deve essere studiato e progettato in modo globale per avere una visione corretta e attenta su quello che si vorrà realizzare in tutta l’area a disposizione. Proponiamo una visione temporale di 5 anni.
Dal 2008 ad oggi abbiamo assistito La nostra esperienza e se vogliamo metterci questo periodo economicamente particolare, ci afferma che clienti con vaste superfici da ristrutturare, preferiscono partire a “step”. Questo ci riconferma il discorso iniziale del budget.
Infatti, inizialmente il cliente potrà partire con la serra calda piuttosto che la zona riservata all’oggettistica o la serra fredda, questo permetterà di tenere sotto controllo il budget, ma  nello stesso tempo iniziare a rinnovare il punto vendita che sicuramente porterà positività ai clienti abituali e acquisizione di nuovi.
Una volta individuato il layout e la zona o le zone da ristrutturare si può pensare a quali sono gli elementi d’arredamento da inserire.
Innanzitutto gli elementi d’arredo devono essere specifici per il settore, quindi funzionali al 100%, dinamici ed avere degli optional che permettono in certi momenti o per certi prodotti un’esposizione ottimale.
Prendendo in esame ad esempio i bancali della Organizzazione Orlandelli (che è uno dei prodotti che ricopre una buona parte della superficie del garden), questi rispecchiano la funzionalità in quanto corredati da una vasca in polistirene a riserva d’acqua ad alta resistenza ai raggi UV, antiriflesso e grazie alle “grecature” si evita il ristagno dell’acqua inoltre il bancale è adatto al sistema di flusso e riflusso.
La dinamicità invece è caratterizzata dalla disponibilità di varie dimensioni, ma soprattutto ultima novità della Organizzazione Orlandelli è la possibilità di avere nei bancali tre altezze diverse per un’esposizione in grado di valorizzare  al meglio i prodotti esposti e nel caso specifico di piante e fiori, essendo essi di altezze e forme diverse, sarebbe impensabile esporli indistintamente sullo stesso livello. Questo permette di catturare l’attenzione del cliente e suscitare in lui il desiderio di acquistare un determinato prodotto.
Per quanto riguarda la parte d’arredamento per l’esposizione di  altri settori merceologici quali ad esempio: composizioni, oggettistica e quant’altro, anche qui la funzionalità, l’essenzialità e la dinamicità devono assolutamente essere tenute in considerazione. La linea in legno “Julia wood line” risponde esattamente a queste tre caratteristiche. “Julia wood line” è stata studiata appositamente per il settore Garden Centre e negozi di fiori rispondendo a tutte le esigenze che questo settore richiede. Non dobbiamo dimenticare inoltre che “Julia wood line” è certificata PEFC.
Quindi la ristrutturazione combinando elementi già presenti è fattibile. Si cercherà di unire i “vecchi” elementi possibilmente in un’unica zona e creare la zona da ristrutturare con gli elementi nuovi. Tutti i prodotti della Organizzazione Orlandelli possono comunque essere abbinati e integrati a strutture già esistenti in quanto sia per tipo di materiale che per colore sono facilmente accostabili.
La sostenibilità è significativa per i vostri clienti oppure vi vengono richiesti poco materiali ecosostenibili? Come è possibile la realizzazione del trend della “sostenibilità” nei nuovi arredamenti?
Julia wood line è la linea in legno progettata da Organizzazione Orlandelli e realizzata con legname certificato PEFC che garantisce la provenienza del legname da foreste a disboscamento controllato. La linea è altamente ecostostenibile perché oltre al legname certificato PEFC, anche le colle e le vernici utilizzate per la realizzazione sono tutte ad ampio spettro ecologico.
Questa linea è stata presentata circa un anno fa e possiamo dire che  a livello di volumi, non abbiamo ancora avuto un riscontro importante, molto probabilmente parte di questo è dovuto a questa situazione economica globale, ma l’interesse da parte dei nostri clienti è stata e continua ad essere eccellente e quindi siamo fortemente convinti che questa linea ecosostenibile sia la strada del futuro. La grande distribuzione è la prima azienda che non può pensare di inserire nei propri punti vendita prodotti che non siano ecosostenibili.
Quali articoli d’arredamento recenti proponete ai vostri potenziali clienti nuovi nel settore dei garden centre?
Affiancata alla linea “Julia wood line” che è in continua evoluzione, il nostro ufficio progettazione sta creando dei nuovi prodotti, che seguiranno uno stile “retrò”, che avremo il piacere di presentare al Salone IPM ad Essen.
Al Salone IPM saremo presenti nel  PADIGLIONE 6    STAND B12
Organizzazione Orlandelli Srl
info@orlandelli.it  – Tel. +390376960311
www.orlandelli.it
Sigla.com - Internet Partner