Come far radicare un ramo tagliato da un albero?

0 0,00  
0


Software per le aree verdi
Partendo dalla fotografia della casa o dell'area verde da progettare, con pochi click si riesce a creare un progetto di altissima qualità pronto per essere mostrato al cliente finale. I nostri software sono pensati anche per chi ha poche conoscenze informatiche e vuole presentarsi in modo professionale al proprio cliente.





Come far radicare un ramo tagliato da un albero?: Questo tipo di operazione è chiamata TALEAGGIO ed è un metodo di riproduzione che consiste appunto nel prelevare un ramo dalla pianta che si vuole riprodurre e dopo averlo interrato in vaso, emetterà radici e diventerà una nuova pianta. Sembra un’operazione piuttosto semplice, in realtà è molto delicata e occorre prestare molta attenzione e seguire bene tutte le indicazioni.




Entergreen
società di consulenza

Valle dei Fiori
il nostro Garden Center

Giardini Valle dei Fiori
progettazione e realizzazione aree verdi
Ricerca prodotto
A A A
Come far radicare un ramo tagliato da un albero?Faq ^



Questo tipo di operazione è chiamata TALEAGGIO ed è un metodo di riproduzione che consiste appunto nel prelevare un ramo dalla pianta che si vuole riprodurre e dopo averlo interrato in vaso, emetterà radici e diventerà una nuova pianta. Sembra un’operazione piuttosto semplice, in realtà è molto delicata e occorre prestare molta attenzione e seguire bene tutte le indicazioni.

Una talea può essere effettuata in ogni periodo dell'anno anche se il periodo più indicato è senz'altro la primavera, al momento del risveglio vegetativo, quando la linfa delle piante circola con più vigore.
Il ramo della pianta deve essere prelevato proprio nel punto in cui nasce una foglia, quindi tagliare la parte terminale ed eliminare le foglie alla base della talea. La parte che verrà interrata deve essere priva di foglie o aghi, se si tratta di conifere e non deve superare i dieci centimetri di lunghezza. In commercio esistono degli ormoni vegetali (di solito sono in polvere) che servono a stimolare la radicazione della talea e riducono decisamente le probabilità di insuccesso.

Il terriccio deve essere composto da sabbia e torba, ben amalgamato e soprattutto inumidito con molta cura, infatti per radicare bene la talea ha bisogno di molta acqua. Interrare il rametto per circa tre centimetri nel terriccio, pressare bene, bagnare abbondantemente e pressare ancora.
Ora il vasetto deve essere sistemato in luogo luminoso, ma al riparo dalla luce solare e dal gelo, per far sì che la talea possa radicare è necessario mantenere sempre il terriccio umido, quindi annaffiare spesso, ma poco per volta.

Quando compariranno nuovi germogli significa che la talea ha radicato. Allora si potrà portare gradualmente la piantina al sole. In primavera si può concimare un po', mentre d'inverno è indispensabile proteggerla dal gelo.  
taleaggio, risveglio vegetativo, terriccio composto da sabbia e torba



Parchi, Prodotti per vivai



precedente: Quando effettuare il rinvaso di un bonsai?
successivo: Come si esegue la potatura delle rose?


Internet partner: Sigla.com
[www.sigla.com]